Pamela Petrarolo, il ritorno alla musica con l’album ‘A metà’




Pamela Petrarolo torna alla musica con il terzo disco A metà (GigaMusic / Halidon) disponibile dal 19 ottobre. I palchi televisivi calcati fin dai primissimi anni ’90 grazie a Non è la Rai, i successi discografici ottenuti appena diciassettenne, le continue conferme come artista eclettica e camaleontica. Cantante, showgirl, speaker radiofonica e attrice teatrale, Pamela Petrarolo torna ora al suo primo amore.

Pamela Petrarolo, da “Non è la Rai” al nuovo album

Tra le più popolari protagoniste del programma cult di Gianni Boncompagni Non è la Rai, dove si guadagnò un debutto discografico da oltre 35.000 copie vendute con il disco di lancio Io non vivo senza te (1994 – RTI Music) e un altrettanto fortunato seguito (Niente di importante, 1995 – RTI Music), Pamela Petrarolo ha partecipato e partecipa ancora oggi alle maggiori trasmissioni RAI e Mediaset come ospite musicale ed opinionista. Ora che i tempi sono maturi per tornare alla discografia, Pamela si è impegnata a collaborare con artisti di diversa estrazione musicale, mettendo in piedi un nuovo team che nel gioco di squadra trova tutta l’ispirazione necessaria a proiettarsi nel futuro, mantenendo un orecchio ben sintonizzato su quanto abbiano rappresentato gli oltre vent’anni di carriera. “È un percorso tormentato che darà felicità, se lo vorrai seguire. Ne vale la tua libertà…” recitano i versi dell’inedito che ispira titolo e concept grafico dell’album, parole che ben rappresentano questo nuovo lavoro.

Pamela Petrarolo, le tracce di “A metà”

Un viaggio musicale che punta dritto alla riscoperta di sé, in bilico tra due metà della stessa anima: la ragazzina prodigio che con le sue performance teneva milioni di spettatori incollati allo schermo, e la donna che continua ad amare la musica con la naturale urgenza di emozionare e coinvolgere quel pubblico che da sempre le si è dimostrato affezionato. Gli arrangiamenti originali, le melodie senza tempo, la grinta nelle interpretazioni, sono qui esaltati da nuove chiavi di lettura, vestite con l’eleganza di un sound mutevole e ricco di contaminazioni, capace di sorprendere anche nei brani dal sapore più vintage. Strumenti e suoni elettronici si alternano mantenendo un equilibrio di ascolto piacevole e fluente, componendo la personale playlist della storia musicale di Pamela. Ci sono tracce inedite – a partire dal singolo di lancio Vivere a metà – e rivisitazioni dei successi, originali e cover, che la cantante ha interpretato nel suo percorso televisivo. E non mancano i tributi: ai grandi del rhythm ’n’ blues Aretha Franklin e Sam ’N Dave, al suo maestro e scopritore Gianni Boncompagni.

Dodici tracce volutamente differenti tra loro, tra cui si distinguono le ambientazioni electro pop di Difendimi e Niente di importante arrangiate da Max Millan, il travolgente pop rock di Another Night, la tradizione melodica di Fammi sognare e Io non vivo senza te, quest’ultima eseguita piano/voce con il Direttore del Conservatorio di Frosinone, Alberto Giraldi. La ciliegina sulla torta è servita dai musicisti Elena Castagnoli ed Enrico Messina, che per Pamela trasformano un successo dance come Please don’t go in una perla electro/acoustic che assume una forma del tutto inedita. Il duo si è inoltre occupato di rivisitare Respect e trasportare un evergreen come La pelle nera tra le fumose atmosfere jazz dei club americani.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.