Elenie: «Il mio amore per la musica e per la criminologia»

Quest’oggi PopSoap vi presenta una giovane cantante di nome Elenie (all’anagrafe Elena Mottarelli), 19enne di Sondrio che piano piano si sta facendo largo nel mondo della musica grazie a una voce importante e tanta voglia di farcela. La sua storia inizia quando Fabio Codega, compositore di colonne sonore e dell’acclamato Siddhartha – The Musical, scova su YouTube alcuni video in cui la ragazza si diverte a interpretare cover di grandi hit internazionali. Decide così di lavorare con lei, scrivendo testo e musica di brani da farle cantare. Il primo singolo è Without Hesitation, scelto come colonna sonora dello spot MSC Crociere in onda sulle reti Mediaset e La7. Una vetrina importante, che porta l’attenzione dei media sulla giovane artista. A gennaio 2015 è poi la volta del secondo singolo Runaway, e a breve ne verrà lanciato un terzo. Elenie ha raccontato a PopSoap la sua vita divisa tra scuola e studio di registrazione, confidando anche qualche passione insospettabile…

Elenie, com’è nata la tua passione per il canto?
Inconsapevolmente. Improvvisamente. Una ragazzina, durante la crescita, è una calamita per ogni tipo di attività: ecco, io sono stata una di quelle, con svariate passioni a cui non potevo resistere. Un giorno mi sono svegliata con l’idea di voler imparare a suonare la chitarra, per trovarmi poi a lezione di canto. Tutto è cominciato come un hobby, un interesse, finendo poi per essere un dovere nei confronti di me stessa e della mia anima.

Hai solo 19 anni. Come concili la vita da studentessa con quella da cantante?
A dire la verità è ancora tutto in fase sperimentale, sto provando diverse “strategie”. Non è facile, soprattutto perché in questi ultimi mesi sono dipendente dallo studio, cosa che occupa completamente la mia mente. A ogni modo sono positiva, sento che ce la farò!

Che tipo di scuola stai frequentando? I tuoi compagni e professori come stanno vivendo questa tua inclinazione artistica?
Frequento l’Istituto Tecnico per Geometri di Sondrio. Sento molto affetto nei miei confronti, tutti, dai professori ai compagni di classe, si interessano ai miei “sviluppi” e alla mia carriera. Gli amici a cui sono più legata mi supportano molto e credono davvero in me.

Il tuo primo singolo Without Hesitation è stato utilizzato come colonna sonora per un noto spot. Ricordi la prima volta che l’hai visto in tv? Che effetto ti ha fatto?
Posso dire la verità? Mi tormento dal primo giorno in cui è stato mandato in onda perché non sono mai riuscita a vedere lo spot in televisione, ma soltanto online! Sicuramente non è la stessa cosa, ma l’emozione che ho provato quando ho saputo la notizia è stata indescrivibile. Cuore a mille!

Il prossimo singolo porterà la tua firma: da quanto tempo scrivi canzoni?
Da qualche anno. Ho iniziato nei primi anni della mia adolescenza, periodo nel quale ovviamente scrivevo sciocchezze, comunque è stato un inizio. Amo scrivere, ho un quadernetto in cui appunto i miei pensieri, prima butto giù qualche frase senza alcuna melodia, poi, se sono in un momento di ispirazione, accompagno il tutto con la musica.

Scrivi solo in inglese o anche in italiano?
Scrivo testi anche in italiano, non sembrerebbe ma è più difficile riuscire a trasmettere qualcosa di limpido e vero nella propria lingua. Tante volte si può risultare contorti o un po’ strambi, ma credo che l’importante sia cercare di esprimere sempre se stessi e ciò che ci porta a prendere carta e penna per parlare di noi.

Come mai canti sempre in inglese? La musica italiana non ti piace?
Ho scelto di cantare in inglese per essere un po’ più internazionale e perché sto scoprendo e studiando le mie sonorità tendenti all’anglosassone. Però sono una fan della musica Italiana, o meglio, della musica dei grandi cantautori italiani. Amo le parole e le frasi in metafora di una volta.

Sei giovanissima e le doti non ti mancano, mai pensato di partecipare a un talent show o vuoi seguire altri percorsi?
Diciamo che gli impegni scolastici non mi permettono, al momento, di pensare a un talent. Ho intrapreso un certo tipo di percorso artistico ma… mai dire mai!

Tra le altre tue passioni ci sono anche il disegno e la moda: se non facessi la cantante, che lavoro ti piacerebbe fare?
Ho tantissime passioni, tutto ciò che è creativo e in cui bisogna impegnare se stessi mi affascina. Sinceramente non so cosa vorrei fare se non avessi questo grande sogno, sono così tanti gli impieghi che mi attraggono! Vi stupirò ma ho sempre avuto il pallino della criminologia!

Sulla tua pagina Facebook stai pubblicando diverse cover: come scegli i brani da reinterpretare?
I brani provengono da una lista creata da me e stilata dai miei collaboratori, parte sono brani della mia playlist come, ad esempio, il pezzo degli Oasis, altre sono canzoni che mi piacciono e penso che possano coinvolgere emotivamente anche il pubblico.

I tuoi profili social sono costantemente aggiornati: quanto è importante per te creare un rapporto continuativo con chi ti segue?
Credo sia importantissimo il “contatto virtuale” con i primi followers, persone che senza sapere nulla di me hanno pensato di cliccare un “mi piace” sulla fiducia. Proprio per questo pubblichiamo a distanza di pochi giorni delle cover, per farmi conoscere sotto diversi aspetti e regalare magari qualche momento di musica a chi ha piacere ad ascoltarmi. E presto arriveranno nuove sorprese!

Di seguito un “clippino” fresco fresco di pubblicazione, in cui Elenie interpreta I Knew You Were Trouble di Taylor Swift.

 

Photo Credit: Chiara Predebon

Emanuele Corbo




Un pensiero su “Elenie: «Il mio amore per la musica e per la criminologia»”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *