Bugo torna dopo 4 anni con “Cosa ne pensi Sergio”

Bugo è tornato in radio oggi con il nuovo singolo Cosa ne pensi Sergio. Il brano anticipa il disco di inediti in uscita nei prossimi mesi su etichetta Carosello Records. Cosa ne pensi Sergio è il primo brano dell’artista dopo quattro anni di assenza dalle scene musicali.

Bugo nuovo singolo
Bugo, cover del singolo “Cosa ne pensi Sergio”.

Cosa ne pensi Sergio è un brano immediato, irriverente e con uno slogan ben preciso. Il pezzo è stato scritto da Bugo al ritorno in Italia dopo aver vissuto per un lungo periodo in India. Al suo rientro l’artista si accorge che non è cambiato niente e come di solito accade in una chiacchiera da bar chiede a chi gli sta accanto: “Cosa ne pensi Sergio?”. Un ritorno atteso per un cantautore unico nel suo genere.

Il nuovo singolo di Bugo, disponibile negli store digitali e sulle piattaforme streaming,  è entrato in rotazione radiofonica quest’oggi ed è stato anticipato nelle scorse settimane da rumors e indizi sparsi dall’artista un po’ ovunque, anche per strada.

Il cantautore infatti ha invaso alcune zone di Milano con dei manifesti bianchi che recitavano la frase Cosa ne pensi Sergio?”. Molti li hanno scambiati per messaggi politici e di natura elettorale, in realtà si trattava di una curiosa strategia volta a promuovere proprio il singolo di Bugo.

Sin dai suoi primi lavori l’artista si è sempre contraddistinto per un modo di comunicare non convenzionale tanto da essere stato definito “fantautore”.

Cristian Bugatti, questo il vero nome di Bugo, presto presenterà dal vivo il singolo al pubblico. L’occasione sarà il live che il cantautore terrà nell’ambito del Brianza Rock Festival di Monza il prossimo 13 giugno. All’interno della medesima manifestazione ci saranno anche dei colleghi di scuderia di Bugo, Santa Margaretche la sera prima (il 12 giugno) saliranno sul palco per aprire il concerto dei Bluvertigo.

Foto di copertina: Profilo Facebook

Emanuele Corbo




Un pensiero su “Bugo torna dopo 4 anni con “Cosa ne pensi Sergio””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *