Saint Motel, la band di My Type: «Raffaella Carrà? È la partner perfetta»

Saint Motel, cover dell'EP "My Type"
Saint Motel, cover dell’EP “My Type”

Sono sorridenti e divertiti i Saint Motel quando li incontriamo a Milano in occasione della presentazione dell’EP – creato appositamente per il mercato italiano – My Type (Warner Music), uscito il 28 ottobre. E ne hanno tutti i motivi. Il loro singolo, My Type appunto, ha scalato nelle ultime settimane le classifiche radio e di iTunes diventando una vera hit. Merito forse di quell’irresistibile riff di sassofono che sembra uscito da un disco anni ’70. Il quartetto, proveniente da Los Angeles e composto da A/J Jackson (cantante), Aaron Sharp (chitarra), Dak (basso) e Greg Erwin (batteria), qualche giorno fa ha eseguito dal vivo i pezzi del mini album nell’ambito di un esclusivo showcase alla Terrazza Aperol di Milano. Un contesto ben diverso dall’ ‘underwear party’ in cui si sono esibiti agli inizi della loro carriera: «Ma è stata solo una delle tante volte in cui abbiamo suonato in mutande», ha rivelato il leader della band a PopSoap.

Perché il nome Saint Motel?
Cercavamo un nome che non definisse la nostra musica – spiega il cantante A/J Jackson. Ci piaceva il fatto che fossero due parole che indicano cose diverse: il lato più solare e innocente (saint) e quello più scuro (motel). Proprio come alcuni nostri brani, allegri ma con testi cupi, ad esempio Puzzle Pieces.

Per il singolo My Type avete realizzato un unofficial video con Raffaella Carrà ai tempi di Milleluci, come vi è venuta questa idea?
L’idea è stata del nostro amico che ha diretto il video. Noi eravamo in studio a registrare Cold Cold Man e lui ci ha mandato la clip di My Type e quello spezzone di Milleluci, show che conoscevamo attraverso Mina, facendoci notare che il tempo di danza era lo stesso e sembrava che nel filmato stessero ballando la nostra canzone. “E se vi mettessi nel video?”, ci ha proposto… In fondo Raffaella è la miglior partner che si possa avere!

Come vi siete conosciuti e come avete deciso di suonare insieme?
Alla scuola di cinema. Io avevo il pallino per la musica, per questo il primo giorno di lezioni ho chiesto in giro chi fosse il miglior chitarrista lì dentro, perché ne stavo cercando uno, e così ho conosciuto Aaron; Dak invece faceva il sushi chef nei dintorni e Greg frequentava una scuola vicina. È stato buffo l’incontro con Greg: dopo un nostro show venne da noi a dirci che lui era migliore del nostro batterista provvisorio.

Saint Motel. Fonte: Ufficio Stampa
Saint Motel. Fonte: Ufficio Stampa

In che modo la scuola di cinema ha influenzato il vostro modo di fare musica?
Sicuramente in tutto quel che riguarda i videoclip, dalla fotografia al montaggio. Il nostro primo EP era composto da 6 brani accompagnati da altrettanti video che avevamo fatto uscire tutti in una volta.

Siete arrivati prima di Beyoncé!
È vero (riflette con aria divertita, ndr). Diciamo che la nostra è musica cinematica: amiamo gli intro, gli outro, ci piace inserire nei brani personaggi con prospettive differenti. Abbiamo intitolato il disco d’esordio Voyeur (2012, ndr) proprio perché era come essere in un bar a osservare persone e storie diverse.

Musica cinematica dunque, non indie-rock come siete stati definiti…
Il problema è che ormai sotto l’etichetta ‘indie rock’ c’è di tutto. Noi non descriviamo la nostra musica, prendiamo le definizioni che più ci piacciono. Siamo stati descritti in mille modi: dream pop, indie prog, garage glam.
Qualcuno ha detto indian rock! (interviene Aaaron, ndr).

Ad ogni modo i vostri brani piacciono, stando alla reazione dei fan italiani l’altra sera a Milano.
È stato molto divertente, le persone erano coinvolte e sapevano le parole di alcune canzoni: è bello sapere che con la nostra musica siamo arrivati in tutto il mondo.

Ci sarà un vero e proprio album nel 2015?
Sì, abbiamo del nuovo materiale che non vediamo l’ora di registrare appena torneremo da questo tour promozionale. L’EP di My Type è un ponte tra Voyeur e il sound del prossimo disco.

I Saint Motel torneranno in tour in Italia a marzo 2015 con ben 4 date:

10/03/2015 – Milano @ Tunnel

12/03/2015 – Roma @ Orion

13/03/2015 – Nonantola (Modena) @ Vox Club

14/03/2015 – Roncade (Treviso) @ New Age Club

 

Emanuele Corbo




3 pensieri su “Saint Motel, la band di My Type: «Raffaella Carrà? È la partner perfetta»”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *