Il Pagante, boom sul web per “Faccio After”

Il Pagante è il fenomeno virale del momento. Con oltre 10 milioni di visualizzazioni sul web e più di 100 live all’attivo è ora uno dei gruppi musicali emergenti più in voga in Italia. Una realtà in grado di riprodurre in musica le abitudini, i costumi, gli interessi e le utopie di tutti i giovani. Faccio After è il nuovo singolo, e in due giorni ha già totalizzato 300mila visualizzazioni su YouTube.

Il Pagante nasce da un’idea di Guglielmo Panzera e Alfredo Tomasi nel 2010 come pagina Facebook dall’intento ironico/satirico su determinati atteggiamenti radicati tra i giovani milanesi. Il pagante è composto da Guglielmo Panzera, Alfredo Tomasi, Edoardo Cremona, Federica Napoli e Roberta Branchini.

Il Pagante è il giovane d’oggi che “sboccia” in discoteca, è il ragazzo che “balza” la scuola, colui che non ha “sbatti” di studiare, ma ha l’energia di “fare after” il sabato sera dopo essere “entrato in pass” ed essersi vestito “pettinero”. Paganti sono la maggior parte dei giovani d’oggi, ed è proprio questa la chiave del successo che le canzoni del gruppo riscontrano in tutta Italia. I giovani vedono rispecchiati in modo ironico i loro atteggiamenti all’interno dei testi, e le basi electro house rendono il prodotto finito una miscela esplosiva tale da riempire tutti i locali in cui il gruppo si esibisce.

Da Entro in pass, il primo singolo a gennaio del 2012, il Pagante ha inanellato un successo dietro l’altro con Si sboccia (2 milioni di visualizzazioni); Balza (1,3 milioni di visualizzazioni), #Sbatti (4 milioni e 400 mila visualizzazioni) e Pettinero (3 milioni di visualizzazioni) che ottengono un enorme successo che si ripercuote anche nei numerosissimi live in tutta Italia in cui è impegnato il gruppo.

Il nuovo singolo è Faccio After, già cliccatissimo sul web e che in meno di 24 ore è entrato nella top 10 di iTunes. Di seguito il videoclip, con un cameo di Gue Pequeno.

 

Emanuele Corbo




Un pensiero su “Il Pagante, boom sul web per “Faccio After””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *