I 5 album migliori del 2015




Ultime ore del 2015 ed è tempo di fare un bilancio degli album migliori che sono stati pubblicati da gennaio fino ad oggi. L’idea iniziale, a dire il vero, era quella di proporre una top10, ma abbiamo deciso di ridurla ad una top5 con la speranza di mettere ancora più in luce quelli che per noi sono stati i gioiellini dell’anno.

Solo pochi giorni fa avevamo stilato la classifica dei 10 brani del 2015 e vi anticipiamo che in questa top5 ritroveremo alcuni artisti già presenti nella speciale single chart di PopSoap. Merito loro che sono riusciti a brillare anche su progetti di più ampio respiro. Un’ultima avvertenza prima di scoprire le 5 posizioni: se non avete acquistato o ascoltato con attenzione questi dischi date loro una possibilità. Parola di PopSoap.

5. Guardare per aria – Bianco

Bianco nuovo album
Bianco, cover dell’album “Guardare per aria”

Unica presenza maschile di questa classifica, il cantautore torinese Bianco ha consegnato al mercato il 10 febbraio scorso Guardare per aria (INRI), il suo terzo lavoro di inediti. L’album della maturità, del cambio di rotta stilistico che lo avvicina a cantautori come Niccolò Fabi Max Gazzè, ma che soprattutto conferma la sua abilità nel dipingere storie di raffinata semplicità. Una bella scoperta per noi, che prima di quest’anno non ci eravamo mai accostati alla sua musica pur conoscendone l’esistenza. Perdonaci, Alberto!

4. Unbreakable – Janet Jackson

Janet Jackson nuovo album
Janet Jackson, cover dell’album “Unbreakable”

Pubblicato il 2 ottobre, Unbreakable è arrivato a ben 7 anni di distanza dall’ultimo lavoro di inediti Discipline (2008) ed è il primo disco di Janet ad essere stato pubblicato per la Rhythm Nation Recordsetichetta discografica fondata dall’artista stessa. Un album importante che segna anche il ritorno della collaborazione con i produttori storici di Janet: Jimmy Jam & Terry Lewis. Il progetto, che ha debuttato al #1 della US Billboard 200, è stato anticipato da due singoli diametralmente opposti ma che danno un’idea delle molteplici anime di questo lavoro: No Sleep (feat. J. Cole) e Burnitup! (feat. Missy Elliott). Dopo aver attraversato Canada, USA e Giappone, Janet Jackson sarà in tour in Europa dal 30 marzo 2016.

3. Naïf – Malika Ayane

Malika Ayane Naif nuovo album
Malika Ayane, cover dell’album “Naïf”

Tra gli artisti già affermati della scena italiana è sicuramente lei ad aver sfornato il miglior album del 2015, che secondo PopSoap resterà l’anno in cui il grande pubblico si è finalmente accorto di Malika. Terzo posto a Sanremo 2015 con Adesso e qui (Nostalgico presente) – il pezzo migliore della scorsa edizione del Festival -, dischi d’oro e di platino per l’album e i singoli estratti, protagonista dell’estate con Senza fare sul serio e uno splendido ed acclamato tour teatrale che ha toccato tutta Italia. La versione “naïf” di Malika Ayane, più leggera, spensierata e divertita rispetto al passato, le ha consentito di abbattere un sottile muro che divideva il pubblico mainstream dalla sua musica, senza per questo comprometterne la credibilità e la qualità.

2. Certi sogni si fanno Attraverso Un filo d’odio – Romina Falconi

Romina Falconi cover album
Romina Falconi, cover dell’album “Certi sogni si fanno attraverso un filo d’odio”

Trovate un album di debutto di matrice pop-elettronica, magari italiano, di livello simile e poi ne riparliamo. PopSoap ha seguito da vicino il percorso che ha portato la cantautrice romana a pubblicare lo scorso 6 novembre questo disco, sin dalla release del primo singolo a inizio 2014. E non si è sbagliato. Più che di nostra lungimiranza però è giusto parlare di validità del progetto della stessa Romina Falconi, svelato al pubblico passo dopo passo a partire da Il mio prossimo amore – che se esistesse una giustizia divina sarebbe certificato multiplatino – passando per le collaborazioni con Immanuel Casto e la più recente Playboy. 20 brani che parlano in maniera poco convenzionale di amore, carnalità, affetti e quel ‘filo d’odio’ necessario per sentirsi vivi.

  1. Abbi cura di te – Levante
Levante Abbi cura di te
Levante, cover dell’album “Abbi cura di te”

Quando un disco d’esordio come Manuale distruzione (2014) arriva alle orecchie forte e impetuoso come un pugno in pieno viso, il timore che l’album successivo possa lasciare l’amaro in bocca è sempre dietro l’angolo, soprattutto perché molti tendono a replicare la stessa formula – più o meno invariata – che li ha lanciati nel mondo della discografia. Per fortuna Levante non ragiona da stratega del marketing ma da musicista, e con Abbi cura di te (Carosello Records) ci ha consegnato un disco solido, onesto e persino di tutt’altro spirito. Le tracce, infatti, sono testimonianza di un percorso di ritrovato equilibrio e di una felicità conquistata con i denti. Dopo un 2015 trascorso in tour, nel 2016 Levante porterà la sua musica dal vivo nei club e teatri italiani. Tra le date annunciate anche due eventi speciali il 13 marzo all’Alcatraz di Milano e il 31 marzo al Cap 10100 di Torino.

Emanuele Corbo




Un pensiero su “I 5 album migliori del 2015”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *