Gabriele Esposito: da X Factor 10 al primo disco




Dalla mancata partecipazione a X Factor al primo disco realizzato con l’aiuto dei fan: è questa, in breve, la storia di Gabriele Esposito, il giovane cantante che ha provocato un’insurrezione popolare ai Bootcamp della decima edizione del talent di Sky Uno, quando il suo giudice Arisa lo ha eliminato a favore di Loomy.

I fischi e il malcontento del pubblico sono stati così evidenti che Gabriele Esposito non ha potuto far finta di nulla, ed ecco quindi che da qualche settimana ha pubblicato in digitale Bad Vibes (Satellite Records), il suo primo singolo (guarda il video in fondo all’articolo)

Gabriele Esposito rappresenta il meglio della scena musicale italiana contemporanea, con lo sguardo rivolto alle stelle del pop internazionale d’oltreoceano e il sogno di portare la sua musica fuori dai confini nazionali, ma anche con i piedi ben piantati per terra e la voglia di lavorare duro, partendo dal basso, per arrivare al pubblico. Proprio per questo motivo si è rivolto ai fan per realizzare il sogno di incidere il suo primo disco.

L’artista, in un lungo post sul sito musicraiser.com, scrive:

“Ciao ragazzi,
se oggi sono qui a scrivervi questa lettera è più merito vostro che mio, perché quel giorno di Luglio ai Bootcamp io c’ho messo la voce e la chitarra, voi prima gli applausi, poi le urla, i fischi ed il mio nome.
Ed avete urlato così tanto e così forte che, a mesi di distanza, le vostre voci sono riemerse dallo schermo, regalandomi l’affetto sincero sia di chi quel giorno c’era, sia di chi non c’era […]
Ed è per questo motivo che faccio questa campagna su Musicraiser.
Mi è sembrato il modo migliore per coinvolgervi nel mio progetto e realizzare questo sogno insieme […] In questo periodo ho scritto alcune canzoni, ma come probabilmente sapete registrare un disco è molto costoso. Quindi vi chiedo di darmi una mano e di darmi fiducia e realizzarlo insieme a me. Tra i premi trovate la possibilità di ricevere l’EP in versione digitale, per chi ama ascoltare la musica ovunque si trovi. O in versione CD per chi vuole un ricordo eterno.
Oppure potete partecipare a concerti esclusivi, aiutarmi a decidere dove suonare la prossima volta, invitarmi a suonare a casa vostra o accettare il mio invito per una cena insieme”.

Via Ufficio Stampa




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.