Francesco Guasti Io e te

Francesco Guasti: «Sono a un passo da Sanremo»

Tra i finalisti di Sanremo Giovani che si contendono uno dei 6 posti a disposizione per la categoria ‘Nuove Proposte’ della prossima edizione del Festival c’è anche Francesco Guasti, il cantautore pratese che ha preso parte nel 2013 a The Voice Of Italy nel team di Piero Pelù. Il 27 novembre Francesco si esibirà dal vivo in diretta in prima serata su Rai1 davanti a una commissione musicale presieduta dal direttore artistico di Sanremo Carlo Conti, presentando il suo brano Io e te e una cover. Nel corso della serata verranno annunciati anche i due vincitori di Area Sanremo che andranno così a completare l’intera rosa delle 8 ‘Nuove Proposte’ che dal 9 al 13 febbraio 2016 si esibiranno sul palco dell’Ariston. PopSoap ha intervistato Francesco Guasti per indagare il suo stato d’animo a una settimana esatta da questo importante appuntamento.

Non è il primo anno che tenti di partecipare al Festival di Sanremo, ma questa volta ci sei molto vicino, come vivi l’attesa?
Avrei voglia di salire sul palco subito e togliermi il dente, però la sto vivendo bene: condivido la pressione con amici e familiari per cui la sento un po’ meno.

Non hai paura di rimanere ancora più deluso nel caso non dovessi farcela?
Quando ti iscrivi a questi concorsi devi mettere in conto di poter entrare ma anche di non essere ammesso. Diciamo che siamo arrivati a Roma, ci garberebbe vedere anche il Papa! Se non dovessimo riuscirci sarà stata comunque una bella visita.

Venerdì prossimo canterai davanti alla commissione il tuo brano Io e te, e una cover: si può dire quale, o almeno di che artista è?
È un artista italiano che apprezzo tantissimo ma non so se posso dire altro, non vorrei mi segassero le gambe (ride, ndr).

Le cover sono state scelte da voi o dalla Rai?
Da noi, ci hanno dato la possibilità di scegliere un pezzo che ci rappresenta. Ho riarrangiato il brano con il mio fedele chitarrista, nonché produttore di Io e te, Marco Carnesecchi.

Com’è nato il brano?
Abbastanza velocemente, quasi di getto. Molti pensano sia una canzone d’amore, invece parla dell’incontro tra l’io e il suo alter ego, come un guardarsi allo specchio senza pregiudizi e decidere ciò che si vuole essere.

Nel video paghi le persone che incontri con le copie del tuo disco. Che significato ha questo gesto?
Il messaggio finale del video è che la musica è un lavoro dietro al quale ci sono tante persone, non solo il cantante, ma musicisti, produttori, booking, uffici stampa. Ho voluto dare un’importanza al disco come oggetto: all’inizio pensavo di prendere album di artisti emergenti, poi avevamo poco tempo per realizzare il video e per questo ho utilizzato le copie del mio cd.

Hai avuto modo di sentire qualche brano dei tuoi colleghi?
Volutamente quest’anno non ho sentito niente, mi sono concentrato sul mio progetto, perché quando si ascolta altro si tende sempre a fare paragoni. Per adesso mi ha portato bene non ascoltare nulla!

Nel caso andassi a Sanremo avresti un disco pronto da pubblicare o sarebbe una ristampa dell’EP Parallele (che Francesco ci aveva presentato qualche mese fa, ndr)?
Ho altri brani da proporre al pubblico, quindi uscirà qualcosa di nuovo!

 

Immagine di copertina: Federico Perticone

Emanuele Corbo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.