Capodanno con D’Alessio su Canale5: ospiti e dettagli

Manifesto "Gigi D'Alessio & Friends"
Manifesto “Gigi D’Alessio & Friends”

Che si fa a Capodanno? Questo il quesito che attanaglia molte persone nelle ultime settimane. Chi opterà per una cena a casa con amici e parenti ma non vuole rinunciare a un po’ di musica potrà sintonizzarsi il 31 dicembre su Canale5 per Capodanno con Gigi D’Alessio, l’evento in diretta (anche su RTL 102.5) da Piazza del Plebiscito a Napoli con tanti ospiti, tra cui Fedez, Dear Jack, Francesco Renga e Anna Tatangelo.

Gigi D’Alessio ha chiamato i rinforzi per dire addio al 2014 e accogliere il 2015 insieme ai fan che accorreranno in piazza la sera di San Silvestro. A cantare con lui infatti arriveranno Fedez Vivian Grillo (concorrente di X Factor 8 appena arruolata dal rapper come artista di supporto per il suo prossimo tour), i Dear Jack, Alex Britti, Francesco Renga, Anna Tatangelo, Gabry Ponte, Bianca Atzei, Biagio Izzo, I Ditelo Voi, Enzo Avitabile e, da ZeligAntonio D’Ausilio. 

Molti di loro li vedremo in gara anche a Sanremo: “Sono in grado di prevedere il futuro” ha dichiarato ridendo il cantautore, che questa mattina a Milano ha presentato il grande evento che lo vedrà protagonista tra due settimane. “Io sarò il padrone di casa, ma metterò i miei ospiti su un piedistallo e ci saranno dei duetti improbabili”, ha aggiunto. Qualche esempio? D’Alessio con i Dear Jack, D’Alessio con Fedez, ma anche il quartetto Gigi-Bianca Atzei-Anna Tatangelo-Alessio Bernabei. “Sono tutti grandi nomi che hanno accettato il mio invito di venire a salutare gli Italiani. E saremo in mondovisione”: questo anche grazie a RTL 102.5 che sul proprio sito www.rtl.it consente agli utenti di tutto il mondo di seguire le trasmissioni radiofoniche.

Angelo Baiguini, speaker proprio di RTL, ha annunciato che sulle frequenze della celebre radio ci sarà un pre-show a partire dalle ore 19 con Pierluigi Diaco, Federica Gentile, Carlo Elli e il Conte Galè.

La diretta di Canale 5 sarà invece dalle 21 all’una di notte: “Quando andremo in pubblicità naturalmente lo spettacolo in piazza continuerà, per cui saranno 4 ore di fila” ha spiegato Gigi D’Alessio, che ha parlato anche di un medley dedicato alle canzoni che, regione per regione, hanno fatto la storia della musica italiana. Si inserirà a questo punto, in rappresentanza della Basilicata, l’omaggio a Mango, scomparso di recente.

L’artista non si è sbottonato molto riguardo ai brani che proporrà: “Naturalmente ci sarà il mio repertorio ma devo tener conto anche del pubblico televisivo. Ce ne sarà per tutti i gusti. Gabry Ponte, ad esempio, si occuperà della parte ‘tunz tunz'”.

Ma Capodanno con Gigi D’Alessio sarà anche l’occasione per attirare l’attenzione su tematiche sociali. Verrà istituita una raccolta fondi per consentire la ristrutturazione dell’Ospedale Santobono di Napoli, polo pediatrico che ospita 120mila pazienti all’anno. Attraverso il numero solidale 45594 sarà possibile fare le donazioni e dal 30 dicembre al 10 gennaio Mediaset trasmetterà uno spot che ricorderà l’iniziativa. Ma se non si dovesse riuscire a raggiungere la cifra necessaria, saranno gli sponsor del concerto a colmare la spesa.

Verrà affrontato anche il tema della violenza negli stadi: sul palco salirà la mamma di Ciro Esposito alla quale D’Alessio consegnerà la maglia della pace, nella speranza di far cessare le ostilità tra le tifoserie del Napoli e della Roma.

E proprio a Napoli e alla Campania è dedicato il grande evento. “Voglio che rappresenti una rinascita per la mia regione” ha spiegato Gigi, “Promuoveremo la campagna voluta da Sviluppo Campania ‘Campania SiCura’, della quale sono testimonial, che per tutto il 2015 si impegnerà a favore delle eccellenze campane esportate in Italia e all’estero”.

La serata di Capodanno con Gigi D’Alessio potrebbe rivivere in forma di documentario, ma per ora è solo un’idea: “Sarebbe bello riutilizzare le parti musicali per un dvd, ma bisognerebbe chiedere le liberatorie alle case discografiche coinvolte. Vorrei realizzare anche un documentario con il dietro le quinte del progetto”. 

Intanto, un primo importante successo è già stato raggiunto: anche grazie al ‘concertone’, Napoli è tornata tra le mete più ambite per trascorrere i giorni a cavallo tra la fine del 2014 e l’inizio dell’anno nuovo.

Emanuele Corbo




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.