Cub Sport Only Friend

Cub Sport, esce il nuovo EP: «In “Only Friend” buio e luce»

I Cub Sport, nuova firma dell’etichetta Nettwerk Music Group, sono una band originaria di Brisbane (Australia) e il 13 novembre scorso hanno pubblicato Only Friend, terzo EP che anticipa l’album di debutto in arrivo nel 2016. La band composta da Tim Nelson (lead vocals), Zoe Davis (guitar), Dan Puusaari (drums), Sam Netterfield (keyboard) si è fatta conoscere con il primo EP del 2012 Told You So, la cui title-track ha scalato la classifica della top 20 della CMJ college-radio chart. Nel 2013 il secondo EP Paradise, con il quale i ragazzi sono usciti dai confini australiani per il primo tour internazionale, arrivando su palchi come The Great Escape (Brighton, UK), Liverpool Sound City (Liverpool, UK), Music Matters Live (Singapore) e CMJ Music Marathon (New York, USA). Ora il delizioso terzo capitolo, tra atmosfere dream-pop e suggestioni dance anni ’70 e ’80, che i Cub Sport hanno presentato a PopSoap.

Cub Sport EP
Cub Sport, cover dell’EP “Only Friend”

Come vi siete conosciuti e qual è il significato di Cub Sport? So che avete dovuto cambiare il nome originario…
Tim, Zoe e io andavamo a scuola insieme, anche se non eravamo amici prima del diploma, e abbiamo conosciuto Dan tramite amicizie comuni. L’anno dopo Tim scrisse un EP e venne da noi per fare alcune registrazioni e ci trovammo in sintonia come gruppo. Originariamente avevamo scelto un altro nome (Cub Scouts, ndr) ma abbiamo dovuto cambiarlo per questioni legali. Era importante per noi mantenere un elemento di continuità con quel nome (Cub), per cui abbiamo trascorso ore a dire parole che ci passavano per la testa finché abbiamo trovato qualcosa su cui eravamo tutti d’accordo, ovvero “Sport”.

Siete molto giovani, ma la vostra musica è piena di richiami al pop degli anni ’80. Com’è nata la passione per questo genere?
Siamo cresciuti tutti ascoltando una grande varietà di musica. Siamo sempre stati grandi fan delle produzioni anni ’80, in particolare delle grandi batterie e dei synth, e quando ci siamo trovati a registrare in studio i riferimenti sono venuti spontaneamente.

C’è qualche cantante o band che vi ispira nel vostro modo di fare musica?
Negli anni c’è stata tanta gente che ci ha ispirato e ha aperto la strada a nuovi modi di fare musica. Ci sono nomi molto noti sulla lista come Britney, Mariah, Aqua, Leonard Cohen, the Flaming Lips, the Beach Boys, Kanye West e Beyoncé. Poi ci sono i nostri amici e i nostri pari nella comunità musicale a cui apparteniamo, che sono semplicemente un’ispirazione.

Only Friend è il vostro terzo EP. Sentite di esservi evoluti dal primo? Se sì, come?
Sì, senza dubbio. Abbiamo sempre fatto musica che rappresentava le nostre vite in un particolare momento. Gli EP precedenti avevano un’aria più vivace e spensierata che catturava l’eccitazione e la libertà dell’adolescenza. Come noi siamo cresciuti e cambiati, così anche la nostra musica. Con questo nuovo EP volevamo muoverci in una direzione più matura, concentrandoci sul fare una musica più personale e profonda. Ci sono ancora brani pieni di luce ma c’è anche un po’ più di buio rispetto a prima, che viene dalle esperienze di vita.

Qual è il significato della cover dell’EP?
La musica in questo disco è al contempo felice e triste. Quando ci siamo imbattuti in alcuni lavori dell’artista Angela Deane abbiamo pensato che catturasse perfettamente questo mood.

State lavorando al vostro primo album. Includerà alcune canzoni dei 3 EP o solo nuovo materiale?
Siamo più che eccitati di pubblicare This Is Our Vice a Maggio 2016. Un paio di canzoni già uscite riappariranno nel disco insieme a un sacco di nuove tracce e una manciata di bonus tracks.

Com’è stato suonare fuori dall’Australia? State pianificando un tour europeo e magari una data italiana?
Amiamo suonare per le persone fuori dall’Australia, specialmente in Europa. Non vediamo l’ora di ripartire in tour e stiamo già pianificando di tornare in Europa nei primi mesi del 2016!

 

Immagine di copertina: Nat Lanyon

Emanuele Corbo

Un pensiero su “Cub Sport, esce il nuovo EP: «In “Only Friend” buio e luce»”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *