Marco Mengoni live 2015

Mengoni Live 2016: la necessità di una pausa




Marco Mengoni non ha intenzione di scendere dal palco. L’artista di Ronciglione, infatti, è in tour da più di un anno per portare dal vivo il maxi progetto Parole in circolo (composto da due album e un cofanetto intitolato Marco Mengoni Live in uscita il 25 novembre). Il 16 novembre scorso il MengoniLive2016 ha fatto tappa al Mediolanum Forum di Assago per la prima di due date sold out che ci ha portati a fare alcune riflessioni sullo stato attuale della carriera dell’artista.

Che il live sia la dimensione in cui Marco Mengoni dà il meglio di sé è noto dai tempi in cui si esibiva a X Factor spazzando via la concorrenza a mani basse. Un cantante e performer che in Italia mancava da tempo e che ha lasciato intravedere da subito la possibilità di un lancio su mercati esteri: cosa che, a tappe, sta avvenendo da un paio d’anni a questa parte.

Il MengoniLive2016 non smentisce tutto questo, anzi lo ribadisce a gran voce: quasi due ore e mezza di musica (con una scaletta e soluzioni sceniche per la verità quasi invariate rispetto ai concerti della scorsa primavera), e un Marco in grande forma vocale malgrado la mole di lavoro a cui si sia sottoposto negli ultimi due anni.

Conclusa questa ultima tranche di concerti ci auguriamo che Marco Mengoni si fermi, torni a tirare il fiato, a godersi pienamente la propria vita e i propri affetti (“Ho intitolato il mio ultimo album ‘Le cose che non ho’ perché non ho tempo per pensare a quel che vivo, ma piano piano sto imparando a godermi il momento, ecco perché ogni tanto mi vedete sulle nuvole” ha spiegato ai fan accorsi allo show) e soprattutto a recuperare il coraggio musicale delle origini, quello che ad esempio aveva dato vita al tanto bistrattato Solo 2.0.

Ora che ha fidelizzato un vasto pubblico inanellando una serie di ballad e brani di facile presa, l’artista potrebbe tranquillamente prendere le distanze dalle strade più battute del pop nostrano degli ultimi mesi e riversare nella ricerca tutto il suo estro creativo, che nei lavori pubblicati di recente spesso latita ma, puntualmente, torna fuori nelle rivisitazioni dal vivo di buona parte del repertorio.

Emanuele Corbo




Un pensiero su “Mengoni Live 2016: la necessità di una pausa”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *