Riky Anelli: «Canto l’Italia in svendita»

Da mercoledì 16 aprile è in rotazione radiofonica, in digital download e su tutte le piattaforme streaming Svuota tutto, l’ultimo singolo del cantautore e polistrumentista bergamasco Riky Anelli. PopSoap l’ha intervistato per parlare del brano e dei progetti futuri che lo attendono, inclusa la pubblicazione del nuovo album.

Come ti sei avvicinato alla musica?
In famiglia c’è sempre stata musica, ricordo feste stupende durante le quali mia madre cantava e mio padre suonava la chitarra, armonie a tre, quattro voci. Bravissimi. Ogni tanto lo fanno ancora! Ho iniziato studiando pianoforte a otto anni, poi ho conosciuto il punk e il rock’n’roll: mi sono fatto regalare una chitarra e da lì tutto è cambiato.

Nel tuo curriculum c’è anche la partecipazione a Sanremo 2001, che ricordo hai di quell’esperienza?
Un insieme di emozioni, positive e soprattutto negative. Ho conosciuto artisti straordinari dentro e fuori dalle scene ma anche persone false come Giuda. Da allora è cambiato molto il mio rapporto con la musica italiana. Sicuramente Sanremo è un’esperienza da rifare, ma con la maturità di oggi.

Di che cosa parla il tuo nuovo singolo Svuota tutto?
La definizione giusta l’ha data Antonello Anappo, giornalista de “L’Unità”. Svuota tutto è un brano che parla dell’Italia in svendita; io aggiungo con un briciolo d’ironia uno sfottò al potente che ingurgita champagne alla faccia di chi non ha lavoro e arranca.

Secondo te l’Italia che cosa sta svendendo in questo momento?
La svendita è in atto da un po’: svendita metaforica dei cervelli, che in realtà vanno via da soli, svendita della bellezza, del buon gusto, svendita di poesie e soprattutto di canzoni. Per quanto riguarda l’economia invece ce ne rendiamo conto tutti i giorni.

Chi è il Pinocchio protagonista del video?
È il solito amorevole bugiardo. Cresciuto, meno amorevole e molto poco “onorevole”. L’attore che lo interpreta è Marco Pedrazzetti, abbiamo riletto insieme la figura del burattino.

L’anno scorso il brano ha vinto la targa Repubblica.it al Premio De André: che cosa ha significato per te questo riconoscimento?
È stato stupendo. Fabrizio De André nel mio cuore ha sempre rappresentato la più alta entità musicale italiana. Sono onorato di aver ricevuto un premio che porta il suo nome.

Stai lavorando ad un disco? Che cosa ci puoi anticipare?
Dopo Svuota tutto uscirà Considerazioni notturne, il nuovo singolo disponibile da giugno. Ad ottobre invece arriverà un album di dodici tracce cantautorali fatte di racconti, poesie e persone. Una commistione tra pop, country, blues e folk. Non vedo l’ora di farvi sentire tutto il disco!

Queste le date dei prossimi appuntamenti live con i The Good Samaritans: il 16 maggio a Ridottino (Crema), il 24 maggio al Mocambo – ex Arci Caruana – a Inzago (Milano), il 25 maggio al Festival Trevigliopoesia a Treviglio (Bergamo), il 1° giugno allo Spazio Polaresco a Bergamo, il 13 giugno al Rio Bar – Associazione Laboratori d’Arte Accademia della Follia a Cremona, il 22 giugno alla Festa di Musicattiva a Cologno al Serio (Bergamo), il 6 luglio alla Festa dello Sport di Offanego (Cremona), il 19 luglio alla Festa della Birra di Inzago (Milano) e il 9 agosto alla Festa del Pd a Treviglio (Bergamo).

Photo Credit: Tania Alineri

Emanuele Corbo

Un pensiero su “Riky Anelli: «Canto l’Italia in svendita»”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *