Giorgio Moroder e Kylie Minogue finalmente insieme: Right Here, Right Now

Cover del singolo "Right Here, Right Now"
Cover del singolo “Right Here, Right Now”

Quella tra Kylie Minogue e il grande Giorgio Moroder è una collaborazione che i fan della diva australiana agognavano da tempo, fondamentalmente perché, dal 2000 a oggi, la popstar dal falsetto angelico ha più volte flirtato con lo stile moroderiano attraverso il proprio repertorio: brani come Light Years, I Believe In You, All The Lovers e, non ultimo, Crystallize omaggiano e richiamano, elegantemente, le sonorità tipiche dei sintetizzatori di colui che viene da sempre ritenuto il mago della disco music, e lo scorso 17 Novembre 2014, giorno in cui il DJ/produttore italiano ha annunciato al mondo gli artisti d’eccezione ospitati nel suo prossimo e attesissimo album 74 Is The New 24 (preceduto dal singolo apripista omonimo), il tanto inseguito sogno si è materializzato divenendo una canzone: Right Here, Right Now.

‘Right Here, Right Now’, in vendita su iTunes e altri digital store da martedì 20 Gennaio, nasce per la precisione a Luglio 2014, quando Moroder spedisce al team di Kylie la base musicale del pezzo, proponendo alla piccola principessa del Pop di utilizzarla in qualche modo e incidere un brano come guest vocalist, da destinare al suo nuovo disco. L’entourage della cantante coglie al balzo la preziosa quanto gradita occasione e, per esaltare al meglio la strumentale ricevuta con una melodia calzante e delle parole tali che valorizzino le qualità canore della Minogue, chiama subito a rapporto la topliner Karen Poole, storica autrice di Kylie dal 2003, nonché mente e mano da cui sono nate, tra le tante, canzoni come Red Blooded Woman e Chocolate (dall’album Body Language), Wow, Cherry Bomb e No More Rain (dall’album X) e le recenti Timebomb e Fine (dall’ultimo progetto Kiss Me Once, pubblicato quasi un anno fa e non decollato come si sperava).
Aiutata dal marito e collega David Etherington, Karen scrive così ‘Right Here, Right Now’ e, a fine Agosto, incontra Kylie in uno studio londinese per assisterla nella registrazione del pezzo, che sarà in seguito inoltrato a Moroder e mixato.

Contraddistinto da giri di chitarra funkeggianti e da percussioni e synth robotici mutuati dalla sempreverde french house (dai Daft Punk, nella fattispecie), il singolo si rivela una piacevole perla disco/pop in cui la quintessenza della Minogue e il nuovo sound di Moroder trovano il connubio ideale.
La coproduzione del brano è opera di Paris Lover, un altrimenti sconosciuto alias dietro il quale si cela il DJ/produttore britannico Patrick Patrikios, che ha attivamente contribuito anche alla restante parte dell’album di Giorgio in qualità di suo braccio destro e pupillo (qui il suo singolo di debutto Feel Me, cantato da A*M*E e coscritto da MNEK).

74 Is The New 24, la cui release è prevista via Sony Music per la prossima primavera, sebbene una data precisa non sia stata ancora comunicata, includerà collaborazioni con Sia, Charli XCX, Mikky Ekko, Matthew Koma, Foxes e Britney Spears.

La liaison musicale tra la Venere tascabile e il padrino della dance music, inoltre, avrà presto seguito in un EP al quale Kylie sta attualmente lavorando con Fernando Garibay, giovane produttore statunitense noto al pubblico per il ruolo svolto in The Fame Monster e Born This Way di Lady Gaga: stando a quanto Moroder ha bisbigliato in questi giorni al Daily Star, infatti, la popstar australiana lo avrebbe implicitamente persuaso a ricambiare il favore da lei reso, invitandolo a registrare un breve monologo, in italiano, su una delle quattro tracce contenute nell’EP (privo, al momento, di una data d’uscita certa).

Nell’attesa di ascoltare Giorgio e Kylie in un nuovo pezzo, ecco il video musicale che accompagnerà la promozione di ‘Right Here, Right Now’, diretto da Daniel Borjesson e coreografato dal ballerino canadese Blake McGrath:

Piccola curiosità: Right Here, Right Now è la terza canzone che Kylie registra con questo titolo: precedentemente, la Minogue aveva inciso e pubblicato una Right Here, Right Now nell’album Let’s Get To It (1991) e provinato una seconda nel 2007 per l’album X (nota anche con il titolo alternativo di Thing Called Love) che, all’epoca, non è rientrata nella tracklist finale del disco e rimane, pertanto, inedita.

 

Francesco Cappellano




5 pensieri su “Giorgio Moroder e Kylie Minogue finalmente insieme: Right Here, Right Now”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *