Francesca Michielin Sanremo 2016

Francesca Michielin: «A Sanremo canto la mia consapevolezza»




Ieri sera Francesca Michielin ha vissuto la sua prima volta a Sanremo. In realtà seconda, ma nel 2012 era ospite di Chiara Civello nella serata dei duetti. La cantante, in gara con Nessun grado di separazione, pubblicherà il 19 febbraio per Sony Music di20are, riedizione dell’ultimo disco arricchito con 3 inediti. L’artista ha parlato del progetto con i giornalisti della sala stampa Lucio Dalla di Sanremo.

Francesca Michielin di20are
Francesca Michielin, cover dell’album “di20are”

Ieri il tuo debutto sul palco dell’Ariston, com’è stato?
Ho raccontato la mia crescita, mi sento più consapevole e ho cantato proprio questa consapevolezza.

Di cosa parla esattamente il brano?
Parla del fatto di aprirsi alla vita e uscire dalle insicurezze che si hanno a 16 anni. Il titolo fa riferimento alla teoria sociologica secondo cui tra due persone non esistono più di sei gradi di separazione: ciò vol dire che non siamo poi così lontani. Nel mio brano in realtà c’è più emotività che sociologia: in questo momento storico ci sono tante divisioni e volevo dare un messaggio di speranza. Dobbiamo renderci conto di essere tutti uomini e donne con dei sogni, non dobbiamo dividerci.

Questa sera porterai la cover di Battisti Il mio canto libero. Come mai questa scelta?
Battisti ha portato modernità soprattutto nel canto. Anche se il brano è del ’72 è molto attuale, e io volevo proprio cantare un inno di amore e libertà, come questa canzone.

Per chi fai il tifo tra i tuoi colleghi in gara?
Io farei vincere Virginia Raffaele, è pazzesca! (ride, ndr). Tifo per i miei giudici di X Factor: Elio si supera ogni volta, mi fa piacere rivedere insieme i Bluvertigo, e Arisa riesce sempre ad esprimersi al meglio con i suoi brani.

Sei una cantante ma anche studentessa. Come concili le due cose?
Faccio il Conservatorio e sono iscritta a Beni Culturali con indirizzo cinematografico: chiaramente ora non sto studiando molto perché sono concentrata su Sanremo, ma appena finirà tornerò sui libri. Per me studiare è una necessità ed è uno scudo, serve a difendersi.

 

Emanuele Corbo




2 pensieri su “Francesca Michielin: «A Sanremo canto la mia consapevolezza»”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *