Archivi categoria: Recensioni

99 Souls: Beyoncé e Brandy si incontrano in “The Girl Is Mine”




Cosa accadrebbe se, un giorno, un duo britannico di DJ chiamato 99 Souls, per nulla noto al grande pubblico, decidesse di isolare l’acapella di Girl (2004) delle Destiny’s Child e quella di The Boy Is Mine (1998) di Brandy e Monica, editando, amalgamando e sovrapponendo le singole tracce in modo talmente ingegnoso da rendere il bootleg dance così ottenuto un diverbio tra donne gay? Continua la lettura di 99 Souls: Beyoncé e Brandy si incontrano in “The Girl Is Mine”

Nervo and friends: ecco il video di “The Other Boys”

L’attesa è stata lunga, ma la nota positiva è che è appena terminata: il nuovo video musicale delle due DJ australiane Nervo, realizzato per il singolo The Other Boys, ha finalmente raggiunto canali e social media sparsi per il web, e il risultato ci piace non poco. Contenuta nel loro LP di debutto Collateral, uscito lo scorso 24 Luglio, The Other Boys è un’elettrizzante collaborazione tra le Nervo e tre nomi d’eccezione che sveleremo gradualmente. Continua la lettura di Nervo and friends: ecco il video di “The Other Boys”

Disclosure, in “Caracal” più sentimento e BPM rallentati

Dopo quasi due anni dal primo disco Settle e dopo aver ingolosito fan e simpatizzanti con una discreta falange di singoli e buzz tracks negli ultimi mesi, lo scorso 25 Settembre il nuovo album del duo britannico dei Disclosure ha raggiunto i negozi di musica in formato sia fisico che digitale. Il titolo scelto per il nuovo progetto è Caracal, uno dei più misteriosi e al contempo intriganti nomi che siano mai stati attribuiti a un opus discografico.

Continua la lettura di Disclosure, in “Caracal” più sentimento e BPM rallentati

La Minogue lancia a sorpresa l’EP “Kylie + Garibay”

Da tempo qualcosa aleggiava nell’aria: non si sapeva bene quando, ma gli indizi disseminati su Twitter, Facebook e Instagram da parte della diretta interessata e di alcuni insiders non lasciavano adito a dubbi; e così, più prima che poi, lo scorso venerdì 11 Settembre la piccola e generosa Kylie Minogue ha colto in contropiede, per l’ennesima volta, la schiera più accanita dei suoi fans mettendo in vendita, digitalmente, un nuovo assaggio dall’ancora nebuloso progetto indie Kylie + Garibay. Un assaggio, appunto, perché primo capitolo di un intero album sperimentale, pronto da diversi mesi e plausibilmente dilazionato in EP, che la principessa del pop ha in serbo per i suoi Lovers.

Continua la lettura di La Minogue lancia a sorpresa l’EP “Kylie + Garibay”

Amy: l’anteprima del film sulla Winehouse




Presentato fuori concorso al Festival di Cannes, Amy è il documentario dedicato alla (breve) vita di Amy Winehouse diretto dal regista inglese Asif Kapadia. Il film, basato su immagini e filmati d’archivio finora inediti, arriverà in Italia il 15, 16 e 17 settembre distribuito da Nexo Digital Good Films. Una pellicola intrisa di amore e, naturalmente, di musica. Continua la lettura di Amy: l’anteprima del film sulla Winehouse

Il ritorno dei Disclosure, fratelli uniti dall’elettronica

Torna con due nuovi brani, presentati al mondo intero tra Aprile e Maggio, e con un nuovo album intitolato Caracal (in uscita il 25 Settembre) il duo britannico dei Disclosure, coppia di fratelli originaria del Surrey che dal 2012 a questa parte usa dettare leggi e tendenze nella scena dance di mezza Europa, e non solo. Continua la lettura di Il ritorno dei Disclosure, fratelli uniti dall’elettronica

Ageismo? Bitch I’m Madonna!

Quando è apparsa su iTunes come parte del primo teaser da Rebel Heart, pubblicato d’emergenza a dicembre scorso per ovviare al danno provocato dal leakage di diverse demo registrate per il nuovo progetto, Bitch I’m Madonna ha diviso lo zoccolo duro dei fan della Regina del pop tra chi ha apprezzato la sua eccentricità urban al primo ascolto e chi l’ha detestata tout court, plausibilmente perché il giorno in cui la signora Ciccone ha reso noto, con tanto di prova fotografica su Instagram, che anche Thomas Wesley Pentz (in arte Diplo) stava collaborando al suo tredicesimo album in studio, molti sentivano che la miscela si sarebbe rivelata esplosiva, ma pochi sospettavano che avrebbe polverizzato il flebile limite che divide genio e pazzia. Continua la lettura di Ageismo? Bitch I’m Madonna!

Giorgio Moroder: recensione di “Déjà Vu”

Ci sono voluti 30 anni tondi e una spinta indiretta da parte dei Daft Punk per convincerlo a tornare alla ribalta con un album di 12 inediti nuovo di zecca, ma le cose belle (come recita il detto inglese) giungono sempre a coloro che aspettano, e così è stato: esce oggi Déjà Vu (Sony Music/RCA), il nuovo opus discografico del mago della disco per eccellenza, colui che nel 1971 ha poggiato, primo tra i primi, le mani sul vecchio Moog analogico e ha cominciato a plasmare a proprio piacimento la materia germinale della musica elettronica, producendo se stesso e artisti del calibro di Donna Summer, Bonnie Tyler e Blondie e regalando all’umanità prelibatezze di cui le nuove generazioni di produttori e DJ amano ancora cibarsi: his name is Giovanni Giorgio, but everybody calls him Giorgio Moroder. Continua la lettura di Giorgio Moroder: recensione di “Déjà Vu”

Zedd: “True Colors” tra electro e sentimento

Russo e tedesco nel sangue, ma internazionale nel sound, Zedd torna oggi sul mercato con un nuovo album, il secondo in ordine di tempo, dopo Clarity del 2012. La nuova creatura prodotta dal giovane DJ, già nome di spicco nella scena EDM, è True Colors (Interscope Records/Universal Music), silloge composta di undici inediti prodotti nel corso degli ultimi due anni. Continua la lettura di Zedd: “True Colors” tra electro e sentimento

Britney Spears: pro e contro di ‘Pretty Girls’

Quando si tratta di collaborazioni, Britney Spears e quella volpastra del suo manager Larry Rudolph hanno sempre lo sguardo ben attento a ciò che è degno di nota e cool nell’industria musicale odierna, come del resto è giusto che sia per chi vuole cavalcare costantemente l’onda, piuttosto che rimanere due passi indietro agli altri. Continua la lettura di Britney Spears: pro e contro di ‘Pretty Girls’