Archivi categoria: Recensioni

Iggy Azalea pubblica ‘Savior’ ma viene travolta dalle polemiche




A noi di PopSoap la rapper australiana Iggy Azalea sta particolarmente a cuore. Ci piace perché ammiriamo le donne dotate di una certa tempra che dimostrano di avere le palle nell’opporsi ai propri dirigenti e perché siamo sempre vicini alle artiste ’’meno fortunate’’ in ambito mainstream; eppure, da un po’ di tempo a questa parte, pare proprio che la iella non abbia alcuna intenzione di abbandonare la controparte diafana di Nicki MinajContinua la lettura di Iggy Azalea pubblica ‘Savior’ ma viene travolta dalle polemiche

Kylie Minogue, con ‘Dancing’ in scena fino all’ultimo respiro

Poco più di un anno fa, in un trafiletto del London Evening Standard risalente a dicembre del 2016, Kylie Minogue aveva svelato di voler aggiungere un pizzico di ’sparkling melancholy’ (’fulgida malinconia’) alla propria musica, in vista di un potenziale nuovo disco: una sorta di ossimoro, tale da suscitare in chi ascolta emozioni miste. L’intento della diva australiana, bisbigliato in tempi non sospetti, è stato portato a buon fine proprio oggi con Dancing, il primo e attesissimo singolo tratto dal 14esimo album in studio Golden, per l’uscita del quale bisognerà invece aspettare il 6 aprile (il pre-order è già disponibile a questo link).

Continua la lettura di Kylie Minogue, con ‘Dancing’ in scena fino all’ultimo respiro

Justin Timberlake novello Steve Jobs per il video di ‘Filthy’




Ammettiamolo senza giri di parole: Justin Timberlake ci ha fregati tutti, nessuno escluso! Quando ha annunciato ufficialmente l’uscita del suo quinto album in studio, Man Of The Woods, divulgandone il trailer introduttivo attraverso il proprio canale YouTube e Facebook, critica e pubblico medio hanno subito ipotizzato che con quel ’ritorno alla foresta’ suggerito dal titolo dell’LP (e a cui la voce del cantante accenna man mano che frammenti audiovisivi dall’imminente progetto musicale si susseguono nel filmato), Timberlake avesse intenzione di prendere in prestito la chitarra di Taylor Swift, il cappello da cowboy di Gaga/Joanne e gli stivali di Billy Ray Cyrus, papà della più nota MileyContinua la lettura di Justin Timberlake novello Steve Jobs per il video di ‘Filthy’

Dieci anni di ‘X’, l’album incompreso di Kylie Minogue




Sui siti riservati alle aste online, dal 2007 ad oggi, si è spesso palesato un disco unico nel suo genere, dal valore prossimo al centinaio di sterline: si tratta di un CD promo tracciabile, sigillato in un comunissimo involucro di plastica morbida e trasparente, con un inserto illustrativo su cui compaiono degli avvisi al destinatario e una tracklist di 13 brani, attribuita ad una certa Karen Moss e al suo album X. Fu questo l’espediente con cui la Parlophone Records pensò bene di celare la vera identità di Kylie Minogue ad eventuali ’talpe’ quando il decimo disco della diva australiana venne spedito alle radio e alle redazioni britanniche, per scopi recensionistici, due settimane prima dell’uscita sul mercato, avvenuta il 26 novembre di dieci anni fa nel Regno Unito. Continua la lettura di Dieci anni di ‘X’, l’album incompreso di Kylie Minogue

Syria e Ambra in Io Te Francesca E Davide: quando il poliamore va a rotoli




Correva l’anno 1997 quando una tutt’altro che esordiente Ambra Angiolini pubblicava (attraverso la berlusconiana RTI Music) il suo terzo album in studio, Ritmo Vitale, interamente prodotto e arrangiato dal grande Stefano Borzi. Una raccolta di 11 brani la cui apertura era affidata a una delle perle della discografia della showgirl/attrice romana, un singolo dal titolo Io Te Francesca E Davide, scritto da Ambra medesima e Riccardo Sinigallia, nome che di certo avrete letto imbattendovi nei crediti di piccoli capolavori della musica italiana quali La Descrizione Di Un Attimo e Due Destini dei Tiromancino o la più recente Amami Amami di Mina e Celentano. Continua la lettura di Syria e Ambra in Io Te Francesca E Davide: quando il poliamore va a rotoli

Katy Perry: sesso e gastronomia in ‘Bon Appétit’




Una ricetta per preparare “La torta di ciliegie più buona del mondo” e un menù tutto da decifrare, spedito dalla Capitol Records lo scorso mercoledì 26 aprile (tramite posta e per via telematica) ai soli membri del fanclub. Sono questi gli indizi strategici che hanno anticipato l’uscita di Bon Appétit (featuring Migos), il nuovo singolo di Katy Perry disponibile in tutto il mondo, su iTunes e piattaforme affini, a partire dal 28 aprile. Continua la lettura di Katy Perry: sesso e gastronomia in ‘Bon Appétit’

Lady Gaga: cambio di rotta a sorpresa con ‘The Cure’




Negli ultimi due anni una nuova tendenza musicale ha contaminato il panorama mainstream europeo e d’oltreoceano, prima permeando in sordina e poi esplodendo ovunque, al punto da diventare l’ancora di salvezza per tutti coloro che siano in cerca di una discreta hit. Parliamo, nella fattispecie, di un subgenere della deep house popolarizzato da DJ come Kygo e Skrillex e dal trio dei Major Lazer, che si è pian piano infiltrato nella scena commerciale e che, oggi, è convenzionalmente noto come ’’tropical pop’’. L’ultima a cedere al fascino di questo sempre più dozzinale trend è stata, a sorpresa, Lady Gaga con il nuovo singolo The CureContinua la lettura di Lady Gaga: cambio di rotta a sorpresa con ‘The Cure’

La dance catartica di Lorde in ‘Green Light’




Dacché l’uomo ha scoperto il potere ricreativo (e terapeutico) della musica, la danza ha sempre rappresentato il modo migliore per comunicare ciò che il suono suscita nell’animo. In alcune culture, queste due arti simboleggiano la forma più primitiva di congiunzione con la divinità (pensiamo ad esempio ai riti misterici della civiltà greca e romana). Altre volte, più semplicemente, danza e musica diventano piacevole rifugio dai malumori della vita, persino catarsi, specie quando si rimane scottati da una delusione amorosa e si cerca di allontanare la negatività provocata da quest’ultima. Qualcosa del genere deve aver pensato anche la piccola stella del pop alternativo Lorde, ormai ventenne, quando si è cimentata nella scrittura del brano Green Light, primo singolo estratto dal secondo album Melodrama e pubblicato su iTunes e piattaforme digitali affini lo scorso venerdì 3 marzo. Continua la lettura di La dance catartica di Lorde in ‘Green Light’

“Glory”: la rivincita musicale (e vocale) di Britney

Ragionando per metafore scientifiche (e discografiche), cosa accadrebbe se l’album di Britney Spears Blackout del 2007 decidesse di avere un figlio con Femme Fatale del 2011 (vale a dire con la sua controparte diurna), scegliendo però la via della fecondazione assistita e contando sull’aiuto, determinante, della sempre fertilissima linfa di In The Zone (2003)? La risposta a questa domanda sarebbe di una sola parola, e dal punto di vista semantico implicherebbe temi come l’autocelebrazione, la rinascita e il ritorno sulle scene in pompa magna: Glory. Continua la lettura di “Glory”: la rivincita musicale (e vocale) di Britney

“Make Me…”: Britney torna tra eros e sensualità




Ogni volta che Britney Spears si accinge a tornare sul mercato con della nuova musica non c’è breakdown emotivo né controversia che tenga: tutto il mondo apre gli occhi e tende l’orecchio verso ciò che propone, a prescindere dal risultato, dall’ostruzionismo radiofonico e dalle posizioni in classifica, perché Britney è una sorta di catalizzatore mediatico, è il centro dell’attenzione’ per eccellenza, come proprio lei usava cantare in Gimme More del 2007. Ed è riuscita a farlo anche con il nuovo brano, primo estratto dall’album Glory in uscita il prossimo 26 agosto. Continua la lettura di “Make Me…”: Britney torna tra eros e sensualità