Carmen Consoli

Carmen Consoli: «Torno con un album nato tra la gente»

Carmen Consoli, cover dell'album "L'abitudine di tornare"
Carmen Consoli, cover dell’album “L’abitudine di tornare”

Carmen Consoli pubblica quest’oggi L’abitudine di tornare (Universal Music), nuovo album di inediti a distanza di 5 anni dal precedente Elettra. Dieci brani nati di getto che raccontano l’Italia di oggi e di ieri, in un mondo diviso tra vincitori e vinti: “Ma è una guerra aperta, nessuno è vinto per sempre” ha dichiarato ieri durante la conferenza stampa di presentazione.

È passato un lustro da quando la Cantantessa ha donato nuova musica ai suoi fan. Un lasso di tempo molto ampio nel mercato discografico che cambia giorno dopo giorno e rischia di ritorcersi contro chi si concede il “lusso” di farsi attendere. “Non ho mai vissuto il mio amore per la musica come un lavoro e ho sempre pensato che se non avessi avuto più nulla da dire mi sarei ritirata senza problemi. Sono tornata perché ho sentito di nuovo l’urgenza e perché avevo le canzoni” ha spiegato in maniera schietta.

Eppure le dieci tracce che compongono il disco sono molto recenti e risalgono a luglio e agosto 2014. Quel che c’è stato prima è semplicemente vita: “Prima di scrivere bisogna vivere. In questi 5 anni ho vissuto e ho scritto le canzoni nella mia anima. Sono stata tra la gente di Catania, ho guardato più televisione rispetto al passato e ho raccontato come una cronista quel che ho visto”. 

Così Carmen e la sua attitudine verista ci parlano di amore, femminicidio, omertà, immigrazione e crisi economica. Il quadro potrebbe risultare cupo, invece – malgrado la negatività colta nell’Italia di oggi – la Cantantessa lascia aperta la porta alla speranza e al ritorno metaforico della primavera. Esemplare in questo senso è E forse un giorno, in cui una madre di famiglia, piegata dalla crisi che costringe lei e i figli a dormire in macchina, non perde la dignità di donna e la fiducia in un futuro che guarirà i loro “poveri cuori avviliti e ammalati”.

Sono proprio le donne le protagoniste più ricorrenti delle 10 storie del disco: una costante nella produzione di Carmen Consoli, che si trova più a suo agio nel descrivere l’universo femminile, ma non per forza a discapito del mondo maschile. “Quando scrivo una canzone non penso necessariamente a un uomo, ma all’essere umano, alla persona che condivide con noi la vita, tranne in alcuni casi specifici come La signora del quinto piano in cui parlo effettivamente di una persona di sesso maschile che uccide la sua compagna”.

Dall’amore malato del brano citato, a quello clandestino di chi conduce da anni una vita parallela a quella coniugale (nel primo singolo L’abitudine di tornare), al rapporto soffocato dalla routine in Sintonia imperfetta. Fino alla scoperta di un sentimento inaspettato tra due donne in Ottobre: “L’amore è amore, le perversioni sono altre” – ha dichiarato la Consoli a proposito del pezzo – “Ho immaginato questa storia omosessuale nella società degli anni ’50 e in realtà la canzone parla del coraggio di scegliere. Scegliere anche la propria identità davanti a un bivio: essere se stessi o fingersi qualcos’altro per accontentare gli altri”.

Carmen osserva, scrive, ma non punta il dito sui protagonisti dei suoi racconti: “Cerco sempre di non dare giudizi, ma di dipingere dei quadri davanti ai quali siano gli altri a prendere una decisione. I personaggi di questi brani non sono vinti e vincitori per sempre, fanno un percorso e sta a loro trasformare le avversità in opportunità”.

L’abitudine di tornare è anche il primo disco da quando l’artista è diventata mamma del piccolo Carlo Giuseppe“Cerco di trasmettergli ciò che mi hanno insegnato i miei genitori, che sono stati esemplari. Ma soprattutto provo ad essere una madre serena ed equilibrata per insegnargli a celebrare la vita”.

Carmen Consoli tornerà a esibirsi dal vivo ad aprile per un tour nei palasport, ma ieri ha incantato la stampa suonando in acustico ben 8 dei 10 nuovi brani. Queste le date del suo prossimo spettacolo live: 9 aprile Porto San Giorgio (FM) – PalaSavelli; 11 aprile Roma – Palalottomatica; 13 aprile Milano – Mediolanum Forum; 14 aprile Torino – Pala Alpitour; 16 aprile Modena – PalaPanini; 18 aprile Firenze – Nelson Mandela Forum; 22 aprile Jesolo – Pala Arrex; 24 aprile Rimini – 105 Stadium; 27 aprile Bari – PalaFlorio; 28 aprile Napoli – PalaPartenope; 30 aprile Acireale (CT) – Palasport Tupparello.

Carmen Consoli – Presentazione stampa “L’abitudine di tornare”:

 

Emanuele Corbo




2 pensieri su “Carmen Consoli: «Torno con un album nato tra la gente»”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *