Benji & Fede 20:05

Benji & Fede: «E ora vogliamo crescere»




Arriverà in libreria domani, giovedì 31 marzo, Vietato smettere di sognare (Rizzoli), il libro ufficiale di Benji & Fede. I due giovani teen idol ripercorrono il cammino che in 5 anni li ha portati dallo scrivere canzoni nelle proprie camerette alla vetta delle classifiche con l’album d’esordio 20:05 (Warner Music Italy), certificato disco di platino in meno di 4 mesi. Un percorso spesso in salita, con ostacoli professionali e privati superati con la grinta e la voglia di arrivare tipica dei vent’anni. A PopSoap Benji & Fede hanno presentato il loro progetto editoriale che verrà promosso con un instore tour in partenza domani (le date in fondo all’articolo).

Benji & Fede libro
Benji & Fede, copertina del libro “Vietato smettere di sognare”

Perché questo libro dopo pochi mesi di carriera?
Benji: L’idea è nata in maniera casuale: ci era arrivata la proposta di un libro fotografico ma la trovavamo banale.
Fede: Volevamo dare alla gente qualcosa che non fosse un semplice post su un social network e che non fossero solo immagini. A noi piace dire che se i fan pensavano di conoscerci, con questo libro ci conosceranno anche meglio di noi stessi.
B: Soprattutto ci sono anche i momenti bui del nostro percorso, i pali in faccia che abbiamo preso e che non tutti conoscono. Abbiamo creato qualcosa di divertente ma con un contenuto e un messaggio da trasmettere alle persone.

Messaggio chiaro già dal titolo…
B: È il motto che abbiamo da molti anni e che abbiamo sempre scritto sui social network ogni volta che succedeva qualcosa di importante, sia in positivo che in negativo. Vogliamo invitare i giovani a credere in loro stessi.

Nel libro ci sono molte fotografie inedite: che effetto vi ha fatto ripescare foto dal passato?
B: Io ho scoperto cose imbarazzanti di quando ero bambino, foto che non avevo mai visto e che ha tirato fuori mia madre.
F: Io ricordavo di essere meno cicciotto (ride, ndr). Ripescare foto porta inevitabilmente vecchi ricordi, e sono sicuro che anche in futuro ci farà piacere rileggere questo libro.
B: Una volta avuta la versione definitiva del libro ho aspettato una settimana per rileggerlo a mentre fredda e mi sono reso conto che scriverlo è stato come testimoniare una parte della nostra vita e iniziare un nuovo capitolo.

Tra gli episodi più difficili che raccontate c’è il contratto con un produttore che vi ha ingannato e vi impediva di fare la vostra musica. Da quella situazione siete usciti solo grazie alla vostra famiglia che ha pagato per la vostra libertà, come una sorta di riscatto…
B: Veniamo da famiglie molto normali: mio padre lavora alla Conad, mia madre fa l’insegnante e per loro decidere di spendere i risparmi per tirarci fuori da quel contratto discografico è stato veramente difficile. A me hanno detto: “Facciamo questo per te ma poi non possiamo mandarti all’università o farti studiare all’estero”. Anche a livello personale ci hanno supportato quando eravamo giù di morale: sono stati i primi a credere in noi.

Nel 2015 siete stati scartati a Sanremo Giovani, ma quest’anno ci siete andati come ospiti di Alessio Bernabei.
B: Assurdo pensare che l’anno prima sei fuori e poi torni tra i Big. È stata una bella esperienza e ci ha fatto capire che un anno fa non eravamo pronti per andare a Sanremo, non eravamo abbastanza maturi musicalmente. Dopo quella porta chiusa in faccia abbiamo capito che avremmo dovuto lavorare ancora di più.

Magari anche in vista di una partecipazione al prossimo Sanremo, questa volta in gara?
B: Non ci piace fare piani che non dipendono da noi. Ora vogliamo fare nuova musica e crescere sotto tutti i punti di vista: questo è il nostro obbiettivo per quest’anno. Se poi arriverà Sanremo valuteremo quando sarà il momento.

State scrivendo nuovo materiale?
F: Non ci fermiamo mai, è un lavoro continuo.

Sempre con il team del primo disco?
B: Sì, anche.
F: Prevalentemente noi con Davide Marchi. Stiamo scrivendo in previsione di un secondo album che speriamo di pubblicare entro fine anno, ma non è detto.

Questi gli appuntamenti instore con Benji & Fede:

31 marzo, giovedì MODENA ore 15.30 MediaWorld, c/o CC GRANDEMILIA,                        via Emilia Ovest 1480
1 aprile, venerdì SAVIGNANO SUL RUBICONE (FC) ore 15.30 MediaWorld, c/o CC ROMAGNA SHOPPING VALLEY P.za Colombo
2 aprile, sabato MILANO ore 15.00 Mondadori Megastore, Piazza Duomo 1
3 aprile, domenica MARGHERA (VE) ore 15.00 Mondadori Bookstore, c/o CC Nave da Vero,         Via Arduino 20
4 aprile, lunedì TORINO ore 15.00 Mondadori Megastore, Via Monte di Pietà 2
5 aprile, martedì FIRENZE ore 16.00 Iper Panorama c/o CC I Gigli Via San Quirico, 165, 50013 Campi Bisenzio (FI)
6 aprile, mercoledì ROMA ore 16.00 Feltrinelli, Via Appia Nuova 427
7 aprile, giovedì MARCIANISE (CE) ore 15.00 Mondadori Megastore, c/o CC Campania
8 aprile, venerdì NAPOLI

POMIGLIANO (NA)

ore 15.00

ore 20.00

Feltrinelli, Stazione Centrale di piazza Garibaldi

Feltrinelli, via Roma 281

9 aprile, sabato BARI ore 15.00 Feltrinelli, via Melo 119
10 aprile, domenica PALERMO ore 15.00 Mondadori Megastore, Via   R. Settimo 16

 

Emanuele Corbo




Un pensiero su “Benji & Fede: «E ora vogliamo crescere»”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *