Alessio Bernabei Noi siamo infinito

Alessio Bernabei: «Ho ritrovato la mia identità»




Viene pubblicato quest’oggi, venerdì 8 aprile, Noi siamo infinito (Warner Music Italy), il primo album solista di Alessio Bernabei. Guidato dal produttore Fausto Cogliati, l’ex leader dei Dear Jack riparte da un progetto che ha seguito in tutte le fasi di realizzazione e che, a suo dire, lo rappresenta pienamente. Tra pochi giorni le due date di anteprima tour: “Sarò un artista a tutto tondo e suonerò molto”, ha anticipato durante l’incontro stampa.

Alessio Bernabei Noi siamo infinito
Alessio Bernabei, cover dell’album “Noi siamo infinito”

Archiviata l’esperienza sanremeseAlessio Bernabei si ripresenta al pubblico con la prova più attesa per i fan, e non solo: quella del primo disco. “È stato un percorso difficile, ho lavorato su me stesso per ritrovare la mia identità cancellando quel che ero prima” ha raccontato pochi giorni fa ai giornalisti radunati in Warner per l’evento di lancio dell’album.

Il riferimento è chiaramente ai Dear Jack, dai quali ha artisticamente divorziato 7 mesi fa. Una vicenda che inizialmente ha diviso le fan del gruppo e in merito alla quale Alessio ha detto la sua: “La formazione definitiva della band è arrivata poco prima che entrassimo ad ‘Amici’. Abbiamo imparato a conoscerci durante il programma, ed è questo che ha alterato gli equilibri. Facevo il lavoro che avevo sempre sognato ma sentivo di non stare bene, per cui abbiamo deciso di allontanarci”.

Camminando da solo, Bernabei si è concesso la libertà di esplorare territori musicali per lui inediti arrivando a scoprire nuovi colori della propria voce, come ha spiegato lui stesso: “Il mio modo di cantare ora è più caldo, in passato era un po’ freddo”. Alessio Bernabei cita tra gli artisti che ha ascoltato ultimamente e che lo hanno influenzato Justin Bieber, Ellie Goulding Zayn, ma viene da chiedersi dove siano finite queste suggestioni sonore. Di certo non nel suo album.

Tra i 12 pezzi del disco due portano la firma dello stesso artista, sia per la musica che per il testo: Obbligo e verità Fra le nuvole. Ma il cantante sogna in grande e punta a realizzare in futuro un lavoro interamente scritto in prima persona“Il mio obbiettivo è essere un cantautore”.

In attesa di quel giorno Alessio Bernabei promette di mostrarci di che pasta è fatto nei due live del 19 aprile all’Alcatraz di Milano e del 21 aprile all’Orion di Roma, preludio di un vero e proprio tour in arrivo nei prossimi mesi. Questi primi appuntamenti saranno ricchi di ospiti che condivideranno il palco con lui (Benji & Fede, Briga, Zero Assoluto, Fred De Palma) e vanno letti come un nuovo biglietto da visita da porgere al pubblico: “Con il gruppo forse avevo bruciato le tappe: ero passato dalla mia cameretta al Forum di Assago. Ora è giusto ripartire dal basso”, ha confessato.

 

Photo Credit: Julian Hargreaves

Emanuele Corbo




2 pensieri su “Alessio Bernabei: «Ho ritrovato la mia identità»”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *